I fiori sono opere d’arte. Niente più di un fiore rappresenta l’essenza stessa della poetica della vita, del suo divenire; per questo significato profondo, suscitano così tanto fascino, oltre che per la loro bellezza.

Sono poesia che si presentano in modo spontaneo come le esperienza più belle e preziose.

Un saluto, un augurio che nelle diverse stagioni la natura porge. I fiori sono la promessa di una nuova vita, bella e luminosa; anche per questo sono un regalo sempre molto apprezzato.

A colpo d’occhio sembrano il cristallizzarsi della bellezza in forme e colori. Una bellezza sempre diversa, sempre pronta a mutare al variare dei raggi del sole.

La caducità della bellezza di un fiore è pari solo alla sua unicità.

Molte espressioni della manifattura di Marostica sono alla ricerca di un fiore; sono vasi, per grandi o anche minuscole composizioni.

A volte invece sono piccole sculture, leggere, eleganti, in attesa di un fiore reciso; vasi monofiore. Il loro colore viene spesso richiesto in nuance neutre, per mettere in risalto i colori della natura. Sono progetti nati per generare piccole colture domestiche, piccoli recipienti dove mettere a dimora i bulbi, o far germogliare i semi. Contenitori nei quali la decorazione fatta con sabbie e pietre, si affianca alle geometrie sempre diverse delle varietà floreali che mutano, si sviluppano e fioriscono giorno dopo giorno.

Tutti gli oggetti Lineasette nascono gli uni diversi dagli altri, perché tutti gli oggetti Lineasette sono oggetti d’arte applicata. Pezzi unici, fatti a mano.

Anche la forma è sostanza e anche il fiore più bello ha bisogno di un vaso che sia alla sua altezza. Un esercizio stilistico formidabile quello che fanno i “Maestri Ceramisti” di Marostica. Ogni anno si dedicano alla ricerca di nuove forme e nuovi stili per vasi realizzati nella più pregiata delle materie ceramiche, quella che hanno scelto come materia d’elezione per la loro arte applicato alla ceramica; il gres porcellanato.